Definizione

La Cardio-TC è una metodica diagnostica non invasiva che, attraverso la somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto, permette in maniera semplice e veloce la dettagliata visualizzazione delle arterie coronariche e delle camere cardiache.

Contestualmente, durante un’unica apnea inspiratoria, si ottiene la valutazione a strato sottile della porzione inferiore del torace. È possibile effettuare una valutazione del cuore anche in assenza della somministrazione di mezzo di contrasto (calcium score), in questo caso si otterrà soltanto un’analisi quantitativa del carico di calcio coronarico, indice diretto della gravità di aterosclerosi a tale livello.

Caratteristiche della Cardio-TC:

– eseguito ambulatorialmente, non necessita quindi di ospedalizzazione del paziente;
– è rapida, non invasiva ed indolore;
– ha un elevato valore predittivo negativo pressoché del 100% (risultato normale = coronarie sane);
– attualmente la metodica più accurata nell’individuazione delle anomalie coronariche, responsabili di morte improvvisa in soggetti giovani sportivi;
– consente un imaging bi- e tri-dimensionale e dunque in grado di valutare anche ciò che sta attorno al lume delle coronarie, a differenza del classico esame invasivo coronarografico (angiografia coronarica).

(Si fa presente che ogni prestazione necessita di previa consulenza clinica specialistica).

L’esame ha una durata variabile, dai 10 ai 20 minuti. 

Quando è indicato questo tipo di esame:

  • VALUTAZIONE DELLE CORONARIE NATIVE NEI PAZIENTI:

– a rischio basso o intermedio di malattia delle arterie coronariche, in presenza di fattori di rischio quali ipercolesterolemia, ipertensione, etc.
– con recenti modificazioni ECG; dolore toracico atipico; test da sforzo dubbio o non dirimente;
– con problematiche di varia natura che non sono in grado di completare un test provocativo (da sforzo);
– con sospetta anomalia delle arterie coronariche, di origine o di decorso, patologie spesso totalmente misconosciute, in quanto asintomatiche, ma comunque responsabili a volte di casi di morte improvvisa nei giovani sportivi o in soggetti sottoposti a sollecitazioni rapide e ripetute dell’apparato cardio-vascolare (stress)

  • VALUTAZIONE DEGLI STENT CORONARICI, soprattutto se posizionati a livello dei rami principali (calibro > 2.75mm)
  • VALUTAZIONE DEI BY-PASS AORTO-CORONARICI, ove si ottiene una migliore panoramicità rispetto alla coronarografia tradizionale
  • PATOLOGIE del PERICARDIO (nei pazienti che non possono eseguire l’esame di Cardio-RM)
  • MASSE CARDIACHE E PARACARDIACHE (nei pazienti che non possono eseguire l’esame di Cardio-RM)

Controindicazioni

•   aritmie cardiache: ritmo non sinusale, frequenti battiti ectopici (extrasistoli), fibrillazione atriale ad alta risposta ventricolare
•   frequenza cardiaca elevata >85 battiti al minuto, nonostante terapia medica
•   dispnea con impossibilità a mantenere un’adeguata apnea inspiratoria (circa 5-10 sec)
•   insufficienza renale
•   stato di gravidanza
•   allergia nota al mezzo di contrasto organo-iodato
•   proteinuria
•   gammapatia monoclonale
•   peso corporeo >150Kg

Preparazione prima dell’esame:

  • Compilazione e firma di una scheda di consenso informato all’esame stesso
  • Digiuno da alimenti e bevande che non siano acqua (6 ore)
  • Portare eventuali esami precedenti (eco, ecg, tc, rm, scintigrafia etc.)
  • Per i pazienti diabetici, sospendere farmaci a base di metformina, solo se gli esami di funzionalità renale (azotemia e creatinina) sono nei limiti massimi della norma o lievemente superiori alla norma
  • Per i pazienti allergici (a farmaci, alimenti, allergie stagionali, polvere etc.), è obbligatorio eseguire necessariamente un protocollo antiallergico
  • Prima dell’esame evitare: caffè, bevande eccitanti e fumo di sigaretta

Esami necessari da esibire:

Azotemia, creatininemia, glicemia e protidogramma (validi solo se effettuati entro 60 giorni, in caso contrario vanno ripetuti). Elettrocardiogramma a riposo (ECG).

1/1