1/1

Definizione

Diciamo che si tratta sempre di diffusione ma, mentre nella diffusione per studi clinici standard vai a studiare la diffusività isotropica (quindi senza ottenere delle informazioni sulla direzione della stessa), negli studi DTI vai a studiare la diffusività in termini di “forze”, cioè se in determinate strutture esiste una diffusività in una determinata direzione. Per esempio nei DTI cerebrali, le vie nervose hanno delle direzioni ben specifiche, e con la RM DTI puoi andare a verificare se ci sono delle alterazioni nella direzione complessiva delle varie fibre.

 

Qual’è il vantaggio di fare una RM pesata in diffusione rispetto ad una qualsiasi tecnica di RM?

Il vantaggio è quello di poter ottenere un informazione che nelle altre sequenze non puoi ottenere: cioè la DIFFUSIVITA’ dei tessuti

 

Definizione:Risonanza magnetica con tensore di diffusione (DTI) o Trattografia

image

La risonanza magnetica (RM) con tensore di diffusione (in inglese “diffusion tensor imaging, DTI) è una tecnica di risonanza magnetica che prevede l’uso di uno strumento (il tensore di diffusione) che permette di ottenere immagini anche tridimensionali basandosi sull’analisi del movimento delle molecole d’acqua presenti nei tessuti del cervello.

I dati ottenuti possono essere utilizzati anche per mappare tridimensionalmente la sostanza bianca, metodica che prende il nome di trattografia.