1/1

Tecniche di acquisizione

Per poter ottenere una rappresentazione del flusso ematico è necessario cercare di massimizzare o annullare completamente il segnale del sangue circolante: FLUSSO IPERINTENSO (BRIGTH BLOOD), FLUSSO IPOINTENSO O NULLO (DARK BLOOD).

Flusso Iperintenso

Per ottenere tale risultato è necessario impiegare delle sequenza di impulsi in grado di rendere massimo il segnale delle strutture vascolari e nello stesso tempo annullare il segnale proveniente dai tessuti stazionari:

  • RM con Time of Flight

  • Phase contrast, La tecnica a contrasto di fase sfrutta il concetto che esiste una differenza di fase tra spin mobili e stazionari; tale tecnica – dunque – si basa sulla messa a punto di sequenza con più acquisizioni e sulla successiva sottrazione elettronica dei differenti valori di fase che gli spin mobili hanno rispetto agli spin stazionari. In PC è importante preselezionare e quindi conoscere sia la codifica della direzione del flusso dei vasi (antero-posteriore, cranio-caudale, destra-sinistra e viceversa…), che la velocità degli spin da rifocalizzare.

TIME OF FLIGHT (TOF)

L’angio-rm tof permette di ottenere un segnale alto da parte dei protoni ematici, riducendo invece al massimo il segnale dei tessuti stazionari

Questo è possibile grazie al continuo afflusso di protoni ematici freschi con massima ml e alla contemporanea saturazione della ml dei tessuti stazionari.

Sequenze Usate

SEQUENZE: GE

TR: BREVE

TE: BREVE

FA: 15-20°

image